19.5 C
Roma
giovedì, Maggio 13, 2021

Il posto abitato più freddo del mondo: Ojmjakon

Il posto abitato più freddo del mondo è Ojmjakon, si trova nel nord est della Repubblica di Sacha-Jacuzia, in SiberiaRussia ed ha 800 abitanti. Nel linguaggio locale ojmjakon significa “acqua non congelata“, a causa della vicinanza di una sorgente calda naturale. È l’unico posto in tutto il mondo dove le persone vivono a temperature da record.

Il posto abitato più freddo del mondo sorse come avamposto per i soldati durante il periodo staliniano. Sulla rotta verso i gulag, l’intera aerea attraversò periodi storici bui, considerando le deportazioni di prigionieri, prevalentemente politici, che venivano mandati a morire nei campi forzati in Siberia. 

Ojmjakon è uno dei candidati, insieme a Verchojansk Tomtor, per l’appellativo di polo nord del freddo (i “poli del freddo” sono i posti nell’emisfero sud e nord dove è stata registrata la temperatura più bassa dell’aria) in quanto il 6 febbraio 1933 fu registrata una temperatura di −67,7 °C. Complici sono le montagne poste ai lati della località che intrappolano il vento nelle valli e lo spingono all’interno della cittadina; di conseguenza le temperature si abbassano. Le medie invernali si aggirano intorno ai – 50°C. In estate invece la temperatura media è di soli 13,5 °C, cioè 22 °C massima, 5 °C minima.

C’è anche una norma che permette ai bambini di rimanere di non andare a scuola ma soltanto se la temperatura è inferiore a -55°

Come si vive a Ojmjakon?

Gli yakuti convivono quotidianamente con temperature glaciali e continuano a condurre una vita quotidiana che considerano assolutamente ordinaria. Tutto il villaggio, che gode di pochissime ore di luce al giorno, è riscaldato da un impianto al carbone. Per la presenza di permafrost ghiacciato, non è possibile coltivare nulla, motivo per cui i cittadini si dedicano esclusivamente all’allevamento di cavalli, renne e pesce. Le persone si alimentano mangiando della carne o del pesce congelato nonché merluzzo, salmone artico e zuppe di carne. Non sono presenti tubazioni per l’acqua. All’interno di ogni abitazione sono a disposizione dei blocchi di ghiaccio, dai quali è possibile ricavarlo. I bagni si trovano all’esterno, mentre i garage sono fondamentali per le automobili che spesso sono lasciate accese anche senza essere utilizzate per evitare danni al motore. 

Sicuramente le aziende che vendono frigoriferi non hanno molta fortuna in queste zone! Nell’unico negozio del paese, anche il latte viene venduto sotto forma di cubetti congelati!

Il villaggio di Ojmjakon attira turisti da ogni parte del mondo, proprio grazie alle temperature estreme che lo contraddistinguono. Molti turisti non riescono ad abituarsi al freddo glaciale di questa regione della Russia, a prescindere dalla loro provenienza.

Marco Di Lecce
Sono un ragazzo di 18 anni, interessato alla politica, alla scienza e soprattutto alla storia dell'uomo. Ho competenze organizzative avendo lavorato più volte come coordinatore studentesco per organi politici. Per info contattatemi: marcodileccematera@outlook.it

Articoli Suggeriti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social

892FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -

Ultimi Articoli

LIS: forse un passo avanti per una società più civile

Che la lingua dei segni (LIS) sia una lingua a tutti gli effetti ormai non ci sono dubbi, nonostante qualcuno per motivi...

Sparatoria in una scuola a Kazan

Sparatoria in una scuola a Kazan, capitale della repubblica russa del Tatarstan. Un giovane di 19 anni ha aperto il fuoco uccidendo 9 persone e ferendone 32. Rustam Minnikhanov (Presidente in...

Gerusalemme: Hamas bombarda Israele

Gerusalemme colpita da alcuni razzi lanciati da Hamas, partiti dalla striscia di Gaza. Aperti i bunker pubblici. Gli attacchi sarebbero la risposta...

Spagna: festa per festeggiare la fine del coprifuoco

Centinaia di persone sono state viste festeggiare in diverse città della Spagna nelle prime ore di domenica, quando il paese ha terminato...

Luana D’Orazio ennesima morte sul lavoro

Luana D'Orazio l'ennesima morte a lavoro, la giovane aveva solo 22 anni, era nel fiore della sua vita,aveva una bambino di cinque...
Translate »