19.5 C
Roma
giovedì, Maggio 13, 2021

The Covid Show, il libro di Andrea Tosatto

The Covid show, il primo libro di Andrea Tosatto è finalmente in uscita.

Un viaggio che ripercorre un periodo della sua vita ricco di avvenimenti, persone e fatti!

Un’esperienza maturata attraverso il gusto della ricerca.

Andrea Tosatto la racconta così, con il piglio che lo caratterizza.

The Covid Show, il libro di Andrea Tosatto è sarcastico al punto giusto, dalla parte di chi si interroga per non morire ed offre diversi spunti di riflessione da cui poter ripartire.

Qualcuno pensa che il mondo continui ad essere un bel luogo in cui vivere.

Facciamo in modo che questo sia, davvero, possibile.

Andrea Tosatto, quarantotto anni, genovese di origine, bolognese di adozione.

Dodici anni trascorsi all’estero a Dubai negli Emirati Arabi.

Psicologo, Scrittore e Public Speaker.

Una Laurea in Psicologia, una Laurea in Filosofia e un Master in Nutrizione Clinica.

Da sempre impegnato sul fronte della libertà di scelta, di opinione e di pensiero.

Cosa c’è scritto esattamente in questo libro?
Questo libro è un’analisi della realtà alla luce di fatti e avvenimenti cui non viene dato sufficiente risalto dai media main stream e che potrebbero determinare un quadro d’insieme fortemente diverso rispetto a quello condiviso da gran parte dell’opinione pubblica.

Un libro che ha influenzato la tua vita…
Un libro che è la risultante di situazioni che stanno influenzando negativamente la mia vita e quella di tutti tranne pochi. E’ un piccolo contributo che spero di dare al fine di innescare in persone anche fisicamente lontane da me quella giusta dose di dubbio e, perché no, di rabbia, necessari a mettere in discussione la narrazione dominante.

The Covid Show! A quante persone interessa il libro di Tosatto?
Penso che questo libro potrebbe interessare a chiunque sia stanco di vivere nell’inganno, nella manipolazione e nei recinti percettivi imposti e desideri acquisire tasselli importanti per poter arrivare a formarsi un’opinione più consapevole ed accurata del proprio mondo.

Quanto Tosatto c’è in queste pagine?
In queste pagine Tosatto c’è come mero espositore di fatti oggettivi. L’attenzione va rivolta alla luna e non al dito che la indica. Non è importante chi sia o cosa pensi Tosatto, conta l’assoluta verità delle informazioni contenute nel libro che, comunque, presenta uno stile narrativo che mi appartiene.

Dubai è davvero quel sogno che descrivono?
No!

Dedichi il libro a chi non smette mai di farsi domande, di avere dubbi…quanto sono importanti queste persone per la società?
Queste persone sono da sempre quelle che hanno aiutato qualunque società ad evolvere. L’assenza di dubbio è staticità, rigidità, morte. La vita è continua ricerca, dialettica, trasformazione, infinito sforzo di sintesi.

Oggi è in scena un continuo ostruzionismo nei confronti di chi non si allinea al pensiero unico, arrivando ad essere chiamato “disturbato”. Cosa ne pensi?
Penso che questa sia una tecnica vecchia, stravecchia, ampiamente collaudata e purtroppo ancora efficace, propria di qualunque dittatura passata, presente e probabilmente anche futura. Prende il nome di psichiatrizzazione del dissenso. Sfortunatamente, dobbiamo farci i conti dal momento che le nostre democrazie sembrano esserlo sempre più di nome e non di fatto.

Sei incazzato?
Si! Ma non smetto di sorridere.

Hai dedicato un capitolo a Eva Reali e alla sua storia, quanto ti ha cambiato quella telefanota?
Mi ha sicuramente turbato ed ha avuto l’indubbio merito di costringermi ad allargare il campo di visione e a cercare nuovi punti di osservazione. E’ una vicenda triste che ci fa capire quanto le nostre società siano pervase e di fatto controllate e dominate dalla negatività e dagli abusi di potere di piccoli uomini morti anche se possono respirare. Eva Reali, invece, vive.

Oltre a una condivisione pazzesca del famoso audio di Eva Reali e a un passa parola fulminante, dal lato delle istituzioni non si è mosso nessuno?
Fortunatamente su quel fronte possiamo contare sul coraggio della Deputata Sara Cunial che ha anche scritto la prefazione di questo libro e che purtroppo rimane voce troppo sola ed isolata. Sulla vicenda Reali, che è ampiamente esposta nel mio libro, Sara Cunial ha presentato a novembre un’interrogazione parlamentare.

Oggi la McKinsey entra prepotentemente sulla scena politica italiana. Draghi la chiama ad organizzare il recovery Plan. C’è chi si indigna e solo adesso. Chi, invece, continua a tacere!
Certo, il fatto che adesso Draghi si avvalga della McKinsey per organizzare il Recovery Plan, che Colao, Ministro della transizione e precedentemente a capo della task force anticovid provenga dalla McKinsey e che si stia prendendo a modello Israele, sono una bella coincidenza, considerando quanto disse Eva Reali nel 2018. La tentazione di vederci un cerchio che si chiude è molto forte.
Penso che, a questo punto, qualche domanda a qualcuna delle persone menzionate da Eva Reali andrebbe senza dubbio fatta. Mi auguro che in Italia siano rimaste persone sufficientemente libere e sufficientemente oneste per approfondire la questione e che l’interrogazione parlamentare sull’argomento presentata a novembre dalla Deputata Sara Cunial, non si riveli un mero messaggio dentro ad una bottiglia perso tra le onde del mare.

Il 60% del lavoro è svolto dalle macchine. Il 40% rimanente dall’uomo che controlla che le macchine non si inceppino. Transumanesimo e umanità, è questo davvero il prossimo step?
Questo potrebbe essere il prossimo step possibile ma sicuramente non necessario come vorrebbero farci credere che sia. Dipende in larga parte da noi e da ciò che desideriamo per noi stessi e per i nostri figli.

Green New Deal…riscaldamento globale, Greta. Cosa c’è di vero? Quanto serve?
Si sta facendo troppa confusione tra ecologia nel vero senso del termine e terrorismo mediatico volto a sdoganare tecnologie e modi di vita che di ecologico hanno ben poco. Il mio libro dedica un capitolo proprio a questo, digitalizzazione, robotica, automazione, transumanesimo.

Concludi con una domanda: Dove sta andando il mondo?
Il mondo per adesso sta andando dove lasciamo passivamente che vada. La buona notizia è che siamo ancora in tempo per imprimergli una direzione diversa e migliore, anche, magari, partendo proprio dalla lettura di questo libro.

Articoli Suggeriti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social

892FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -

Ultimi Articoli

LIS: forse un passo avanti per una società più civile

Che la lingua dei segni (LIS) sia una lingua a tutti gli effetti ormai non ci sono dubbi, nonostante qualcuno per motivi...

Sparatoria in una scuola a Kazan

Sparatoria in una scuola a Kazan, capitale della repubblica russa del Tatarstan. Un giovane di 19 anni ha aperto il fuoco uccidendo 9 persone e ferendone 32. Rustam Minnikhanov (Presidente in...

Gerusalemme: Hamas bombarda Israele

Gerusalemme colpita da alcuni razzi lanciati da Hamas, partiti dalla striscia di Gaza. Aperti i bunker pubblici. Gli attacchi sarebbero la risposta...

Spagna: festa per festeggiare la fine del coprifuoco

Centinaia di persone sono state viste festeggiare in diverse città della Spagna nelle prime ore di domenica, quando il paese ha terminato...

Luana D’Orazio ennesima morte sul lavoro

Luana D'Orazio l'ennesima morte a lavoro, la giovane aveva solo 22 anni, era nel fiore della sua vita,aveva una bambino di cinque...
Translate »