12.5 C
Roma
venerdì, Febbraio 26, 2021

Biden spiana la strada all’Iran e ai terroristi: ritirato l’appoggio all’Arabia Saudita in Yemen

Jake Sullivan, Consigliere per la Sicurezza Nazionale, ha confermato il disimpegno americano in Yemen voluto dai democratici. Ne faranno le spese i sauditi, che da tempo si sostenevano sull’appoggio – perlopiù logistico – degli Stati Uniti.
Biden stravolge gli equilibri geopolitici nella regione con quello che, di fatto, è tanto l’epilogo del sussidio statunitense all’Arabia Saudita quanto un vero e proprio ‘via libera’ all’avanzata iraniana e di Hezbollah da un lato, di Al Qaida e indirettamente dell’ISIS dall’altro.

Demolita la storica alleanza in Medio Oriente

Joe Biden ritirerà il suo appoggio alla monarchia saudita in Yemen: è questa la prima mossa geopolitica di una certa rilevanza della nuova amministrazione.
Distrutto, sostanzialmente, un prezioso sodalizio – quello con i Saud – che senz’altro risultava essere l’unico compromesso accettabile volto a dare anche solo una parvenza di stabilità al Medio Oriente.
I democratici revocheranno il sostegno – oltre che all’Arabia Saudita – a tutta la coalizione araba (Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Kuwait, Senegal e Sudan), lasciando così gli yemeniti in balia delle altre due fazioni impegnate sul fronte: Iran ed Hezbollah a sostegno del gruppo sciita degli Huthi da una parte, Al Qaida con l’aiuto logistico dell’Isis dall’altra.

La guerra civile yemenita sta dilaniando il sud della penisola arabica. Tre le fazioni coinvolte: il gruppo sciita degli Huthi con il sostegno di Iran ed Hezbollah; la coalizione araba (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Kuwait, Senegal, Sudan) finora finanziata da Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Francia e Turchia; i terroristi di Al Qaida e di Ansar al-Sharia, foraggiati dall’ISIS.

Quella sottile differenza che passa tra gli Ayatollah e i Saud

Fatta l’opportuna premessa delle barbarie religiose che caratterizzano entrambi i regimi, il fulcro del discorso sta nella potenza mediorientale sulla quale appoggiarsi. La regione, infatti, è da sempre teatro di aspre contese tra Iran ed Arabia Saudita, con le simpatie delle democrazie occidentali che, da tempo, sono esclusivo appannaggio della monarchia saudita.
Al di là delle motivazioni meramente economiche, pensare ai Saud come puntello istituzionale nella penisola arabica può giustificarsi considerando che l’assolutismo monarchico potrebbe (e in un certo senso finora l’ha fatto) eclissare l’estremismo islamico presente nella Regione, se non altro parzialmente.
Tanto più se poi si considera che in conflitti come quello yemenita gli Ayatollah si schierano puntualmente al fianco di Hezbollah, mentre l’Arabia Saudita rappresenta il vertice della coalizione che presenta i tratti senz’altro più ‘civilizzati’ tra le fazioni in ballo: la mossa di Biden rischia, proprio per questo, di avere conseguenze drastiche.

Alessandro Ranieri
Responsabile organizzativo provinciale per Gioventù Nazionale. Studente di giurisprudenza presso l'Università Bocconi di Milano. Tesserato per Fratelli d'Italia.

Articoli Suggeriti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social

504FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -

Ultimi Articoli

The Walking Dead torna il 1 marzo: “Questi episodi vi cambieranno”

Ormai il momento è arrivato: la decima stagione di The Walking Dead torna il 1 marzo. L'acclamata serie apocalittica farà il suo...

2024 il ritorno di Donald Trump

Il 45esimo presidente degli Stati Uniti Donald Trump apre la possibilità di ricandidarsi alle elezioni del 2024. In una...

Kim Kardashian chiede il divorzio da Kanye West

Kim Kardashian West ha chiesto il divorzio da Kanye West, un impiegato del tribunale della Corte Superiore di Los Angeles lo ha...

La follia di Biden devasta lo sport: il precedente di Fallon Fox, lottatore transessuale che ruppe il cranio di una donna

Il neopresidente americano, in uno dei suoi primi ordini esecutivi, ha follemente stabilito l’accesso dei transessuali alle competizioni sportive femminili.Biden, oltre a...

Immigrazione e Sfruttamento: attualità del termine in termini di migrazione

Immigrazione e Sfruttamento: La doverosa premessa é che ogni persona del mondo ha diritto di essere aiutata, come l’italia ha SEMPRE fatto,...