15.5 C
Roma
lunedì, Aprile 12, 2021

L’umanità, la morale e la storia

C’era una volta l’umanità…inventata dagli stoici, spiritualizzata dalle religioni monoteiste, secolarizzata dall’illuminismo. L’Umanità non come specie biologica classificata dei mammiferi,ma come entità culturale inclassificabile è giunta ad un alto grado di sviluppo che ne segna al contempo un tramonto già iniziato nel ventesimo secolo…Possiamo dire che forse ora è iniziato l’ultimo secolo umano.. cui seguiranno secoli di storia postumana…é una mutazione del mammifero uomo che prende il cammino non avendo saputo sfruttare la sua entitatà culturale ai fini del suo bene, dell’ambiente e dell’ecosistema. Aleksandr Zinov’ev è stato un precursore di questa teoria! Non facciamoci sopraffare dai subintelettuali che ci circondano..forse siamo ancora in tempo!

L’umanità è costellata di lotte intestine dell’uomo sull’uomo.

In ogni continente per ristabilire la convivenza sociale sono state stabilite regole tribali o religiose che contestualizzate all’era e il luogo potessero equilibrare  la pace sociale. Un esempio per tutti l’ancestrale divieto d’incesto e l’adorazione del fuoco come elemento salvifico in natura, in un mondo di sciamani ,mattatori del tempo che fu. Così gli antropologi narrano un inizio delle prime società.

Il patto sociale nei secoli è stato stabilito ovviamente dai più forti che hanno a volte perseguitato i più deboli , da qui è iniziato il percorso delle doppie verità ,sempre all’insegna della pax sociale : la santa inquisizione,la riforma,la controriforma, Cristo,Maometto ed Allah.Come si è evoluta la questione morale nell’era post  industriale e con l’avvento della tecnologia e dei mass media ?

La morale è l’insieme dei valori o principi ideali in base ai quali l’uomo e la collettività decidono liberamente la scelta del proprio comportamento.Tali valori si originano dalla realtà sociale e politica, si riferiscono all’organizzazione economica e giuridica, si rifanno alle tradizioni di una collettività e quindi mutano nel loro percorso storico  Il termine morale, in : moralis, derivante da mos, moris (costume), fu coniato da Cicerone. Oggigiorno, nel XXI secolo ci spetta il confronto tra umanesimo, post  umanesimo e addirittura transumanesimo. Sono due mondi che si confrontano, uno tradizionalista con il suo bagaglio storico e una morale sedimentata e sgrossata dagli eccessi nei secoli, l’altro completamente rivoluzionario che non si sa dove ci porterà. In questo momento storico non abbiamo intellettuali all’altezza di fronteggiarsi ,ne antropologi, ne giornalisti  e pennivendoli faziosi che seguono solo una dissennata azione politica, senza cultura che possa fronteggiare i costi e i benefici di un possibile sovvertimento sociale che ci porterà dove? Manipolato da chi?  Da qui tutta una serie di interrogativi : aborto indiscriminato, terzo sesso , liberalizzazione delle droghe, abbandono religioso, omologazione,pensiero unico,limitazione della libertà.

Le due storiche dichiarazioni contrapposte :

«L’umanità sarà profondamente trasformata dalla scienza e dalla tecnologia del futuro. Prevediamo la possibilità di ridisegnare la condizione umana, includendo in questi parametri l’inevitabilità di invecchiamento, i limiti umani e le intelligenze artificiali, la sofferenza, e la nostra prigionia sul pianeta Terra» Dichiarazione transumanista (World Transhumanist Association, 1988)

«Oh, Adamo! Non ti abbiamo fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, perché come libero, straordinario plasmatore e scultore di te stesso, tu ti possa foggiare da te stesso nella forma che preferirai» Pico della Mirandola, Oratio de hominis dignitate [1486]

Quindi una delle questioni più urgenti e fondamentali nel dibattito bioetico contemporaneo è la questione antropologica. Si parla dell’essere umano, questo essere fantastico e misterioso, in grado di realizzare con la sua creatività e intelligenza inventiva, cose meravigliose e sorprendenti che rendono la vita più bella, confortevole e piacevole da vivere, offrendo anche alcuni soluzioni alle tensioni e alle sofferenze del passato. Allo stesso tempo, si parla anche dell’essere umano capace di progettare e realizzare le situazioni più tristi e degradanti : alimenta guerre, distrugge opere di cultura, avvelena l’ambiente, compromettendo il futuro della vita stessa sul pianeta. Di fronte a questo paradosso, che ci inquieta profondamente, sorge la necessità di cambiare la visione dell’essere umano. Dobbiamo salvare la sapienza per percorrere il sentiero della rettitudine, della realizzazione umana. Da qui l’importanza di focalizzare in modo rigoroso qual è la visione o il concetto attuale di essere umano, messo in atto quando ci troviamo di fronte alle numerose possibilità tecniche ed interventi scientifici che possono mutare profondamente l’identità dell’essere umano. Ma chi controlla il controllore ? 

Noi umani tutti vigili su dove stiamo andando o dove qualcuno in malafede ci vuole portare.

Articoli Suggeriti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social

859FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -

Ultimi Articoli

In Israele vanno a ballare, in Regno Unito riaprono i Pub. E l’Italia?

In Italia si chiude oggi per riabbracciarci domani, a intermittenza da un anno. Mentre i paesi governati da persone più serie e...

Oriundi in nazionale: da Camoranesi a Jorginho

Spesso con molte critiche, di oriundi in nazionale ce ne sono stati tanti. Chi sono gli oriundi? E quali sono i più...

LIPU: Lega Italiana Protezione Uccelli

La Lega Italiana Protezione Uccelli o LIPU. Mai come in questi anni si parla tanto di habitat ambientali ed...

Putin incontra il premier armeno Nikol Pashinyan

Vladimir Putin incontra il premier Armeno a Mosca il 7 aprile 2021. In seguito alcuni stracci del meeting presenti nel sito Президент...

Great Reset, alleanza Globale anche col Vaticano

Bergoglio dice si al progetto del Forum dei Miliardari di Davos: Vaticano, Alleanza Globale per un Great Reset. Un patto non più...