19.5 C
Roma
giovedì, Maggio 13, 2021

Trump e quel capitalismo che funziona

Nel tracciarne un bilancio, la Presidenza Trump offre non pochi spunti economici che meritano citazione. Spunti che testimoniano l’inequivocabile riuscita della politica economica americana in questi ultimi quattro anni.

Disoccupazione ai minimi storici

Al Tycoon va anzitutto il merito di aver ridotto, nel pre-pandemia, ad uno storico 3,7% il tasso di disoccupazione, picco minimo dal 1969.
Trend positivo confermato anche dopo l’avvento del Virus di Wuhan, con l’impressionante dato di 4,8 milioni di posti di lavoro creati nel solo Giugno 2020.
La gestione dell’emergenza sanitaria ha dato priorità alle esigenze economiche del Paese, scongiurando così quelle che sarebbero state le disastrose conseguenze di un’ondata di licenziamenti e bancarotte.

Riduzione della pressione fiscale

Geniale, in tale ottica, la costante detassazione: flat tax al 21% che ha agevolato in particolare la grande impresa, andando al contempo incontro alle necessità degli autonomi minori.
L’alleggerimento della pressione fiscale ha da un lato permesso la conservazione di milioni di impieghi, dall’altro ha consentito aumenti salariali per ben 5 milioni di lavoratori dipendenti.
Una visione ampia, capace di soddisfare le esigenze tanto degli impiegati quanto della piccola, media e grande imprenditoria.

La Trump Tower è il simbolo dell’impero e dell’abilità commerciale del Tycoon. Costruita nel 1983, sita sulla Fifth Avenue di New York, rappresenta la sede della Trump Organization.

Pil in crescita e correttivi sociali

Il dato che più impressiona è quello relativo alla crescita del Pil: la variazione annua del +2,93%, registrata nel 2018, rappresenta il miglior risultato dall’inizio della Grande Recessione ad oggi.
Il tutto grazie ad un’intelligente offerta di detrazioni, deduzioni e crediti d’imposta che ha contribuito all’espansione dei consumi medi: nell’ultimo quadriennio ben otto famiglie americane su dieci hanno beneficiato di sgravi fiscali elargiti dall’amministrazione federale.

A Trump va dunque il merito di un’ingente rivitalizzazione economica d’impronta chiaramente capitalista, nonostante le conseguenze del Covid-19 e dopo le disastrose riforme assistenzialiste della Presidenza Obama.

Alessandro Ranieri
Responsabile organizzativo provinciale per Gioventù Nazionale. Studente di giurisprudenza presso l'Università Bocconi di Milano. Tesserato per Fratelli d'Italia.

Articoli Suggeriti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui social

892FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -

Ultimi Articoli

LIS: forse un passo avanti per una società più civile

Che la lingua dei segni (LIS) sia una lingua a tutti gli effetti ormai non ci sono dubbi, nonostante qualcuno per motivi...

Sparatoria in una scuola a Kazan

Sparatoria in una scuola a Kazan, capitale della repubblica russa del Tatarstan. Un giovane di 19 anni ha aperto il fuoco uccidendo 9 persone e ferendone 32. Rustam Minnikhanov (Presidente in...

Gerusalemme: Hamas bombarda Israele

Gerusalemme colpita da alcuni razzi lanciati da Hamas, partiti dalla striscia di Gaza. Aperti i bunker pubblici. Gli attacchi sarebbero la risposta...

Spagna: festa per festeggiare la fine del coprifuoco

Centinaia di persone sono state viste festeggiare in diverse città della Spagna nelle prime ore di domenica, quando il paese ha terminato...

Luana D’Orazio ennesima morte sul lavoro

Luana D'Orazio l'ennesima morte a lavoro, la giovane aveva solo 22 anni, era nel fiore della sua vita,aveva una bambino di cinque...
Translate »